Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

La stupidità fotografica

La stupidità fotografica

Ando Gilardi è considerato il più irriverente fotografo e studioso che l’Italia abbia prodotto negli ultimi cento anni.
Autore di libri cult sulla fotografia e personaggio eclettico, con questo breve saggio in forma di dialogo Gilardi fa un’incursione dispettosa e divertita sul concetto di stupidità in chiave fotografica, partendo dalle famose leggi sulla stupidità dell’economista Carlo M. Cipolla. Il testo è corredato da una trentina di immagini di fotografia popolare ottocentesca sul tema della stupidità tratte dall’enorme archivio fotografico della Fototeca Storica Nazionale da lui fondata.
Scritto da
Argomento Fotografia
Collana il punto
Editore Johan & Levi
Dimensioni 12 x 18 cm
Pagine 108 pagine
Volume 30 immagini bn
Pubblicazione 05/2021
ISBN 9788860103000
 

Condividi

Indice testuale

Prefazione
Capitolo 1
I tre tipi di stupidità fotografica - Esempio forte ma per ragioni didattiche - Stupidità fotografica del terzo tipo - La gente che crede a quello che vede
Capitolo 2
Il ritratto della stupidità - La livella
Capitolo 3
L’apparecchio preferito dagli stupidi - Fotografia dono divino
Capitolo 4
Tassonomia tutt’altro che stupida - L’istantanea divora la fotografia
Capitolo 5
Il sommelier della fotografia è stupido
Capitolo 6
L’idiota di cui tratta Nadar - Libertà è un salto nel buio o nella luce
Piccola antologia gilardiana
Riscontri
Fare gli stupidi - Sembrare stupidi

La stupidità fotografica
10,00
 
Spedito in 1-3 giorni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.