Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

VICEVERSA A PERUGIA | 04.10 - ORE 11.00

4 ott 2020

Appuntamento a Perugia per una colazione letteraria in compagnia di Eleonora Marangoni con il suo saggio Viceversa. Il mondo visto di spalle. Dialogherà con l'autrice Steve Gobesso, designer e fotografo.

 

Le figure di schiena parlano una lingua che ci affascina e sono presenza costante nella storia dell’arte. Marangoni ha scelto le sue attraverso i secoli, mescolando letteratura e fotografia, cinema e pittura, video art e fumetto. Di queste presenze evoca il carattere simbolico e la cifra poetica, per mostrarci come il loro potere nasca da quello che non dicono, dall’inesauribile esercizio dell’immaginazione che sono capaci di innescare.

 

Domenica 4 ottobre - ore 11.00

Edicola 518

Via Sant’Ercolano 42/A, Perugia

 

In caso di pioggia l'evento si terrà in un luogo al chiuso nelle vicinanze di Edicola 518.

Che siano solitarie o in compagnia, ignare o consapevoli di essere guardate, ribelli o ironiche, candide o sensuali, le figure di schiena parlano una lingua che ci affascina, e sono presenza costante nella storia dell’arte.La prima a voltarci le spalle è stata, in età romana, la Flora di Stabia, ponte simbolico tra il mondo di profilo degli antichi egizi e la pittura italiana del Trecento, epoca in cui i soggetti di schiena fanno la loro comparsa. Ricorrenti nel corso del Rinascimento perlopiù come parte di scene collettive, diventano protagonisti nel Seicento, grazie alla pittura fiamminga. E se in Giappone le geishe da tempo immemore nascondono il volto lasciando scoperto il collo, chiave d’accesso all’intimità carnale, è nell’Ottocento che in Occidente l’inquadratura sulla nuca comincia a stringersi, fino a diventare Leitmotiv pittorico e letterario pari a quello delle Rückenfiguren, icone della contemplazione romantica. Nel Novecento il mondo visto da tergo offre visioni eccentriche e dirompenti e propone un nuovo punto di vista sull’arte e i suoi spettatori.Eleonora Marangoni ha scelto le sue figure di schiena attraverso i secoli, mescolando letteratura e fotografia, cinema e pittura, video art e fumetto. Di queste presenze, che accosta per associazione o isola nella loro iconicità, evoca il carattere simbolico e la cifra poetica, per mostrarci come il potere di tali immagini nasca da quello che non dicono, dall’inesauribile esercizio dell’immaginazione che sono capaci di innescare.
Scopri

Viceversa

Il mondo visto di spalle

Eleonora Marangoni

editore: Johan & Levi

pagine: 160 pagine

Che siano solitarie o in compagnia, ignare o consapevoli di essere guardate, ribelli o ironiche, candide o sensuali, le figure di schiena parlano una lingua che ci affascina, e sono presenza costante nella storia dell’arte.La prima a voltarci le spalle è stata, in età romana, la Flora di Stabia, ponte simbolico tra il mondo di profilo degli a
25,00

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.