Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Ambroise Vollard

autore
Johan & Levi
Ambroise Vollard (1866-1939) è considerato uno dei più importanti mercanti d’arte e galleristi francesi del XX secolo. Intraprende gli studi in giurisprudenza ma a Parigi svilupperà la sua passione per la pittura e nel 1893 aprirà la sua famosa galleria. Ha lanciato e supportato artisti del calibro di Paul Cézanne, Aristide Maillol, Pablo Picasso (di cui ha curato la prima mostra), Pierre-Auguste Renoir, Georges Rouault, Paul Gauguin e Vincent van Gogh, e tra i suoi clienti più illustri c'erano Albert C. Barnes, Henry Osborne Havemeyer, Gertrude e Leo Stein. Appassionato di letteratura, è stato editore di famosi volumi illustrati dai grandi artisti, principalmente poesie, e di incisioni e litografie realizzate dagli artisti. È stato anche autore di biografie di Cézanne, Degas e Renoir.

Libri dell'autore

Scritti in prima persona a mo’ di aneddoti sul suo esordio nel mestiere, i ricordi del leggendario mercante di quadri hanno il merito di restituirci l’atmosfera di un mondo ormai scomparso.Siamo nella Parigi di fine Ottocento, i pittori “rifiutati” si impongono, a poco a poco, come principali attori della scena su cui muove i primi passi il giovane Vollard. Sbarcato nella capitale per proseguire gli studi di Diritto, non tarda ad abbandonare la toga per frequentare librerie e bancarelle, dove scova stampe e disegni a buon mercato che saranno i suoi primi materiali di scambio. Dotato di uno spregiudicato senso per gli affari, ha anche l’indispensabile fiuto per capire da che parte tira il vento: fa visita alla vedova di Manet, e torna a casa con un’intera raccolta di disegni del maestro; stringe amicizia con Renoir, Degas e soprattutto Pissarro, di cui segue i consigli; rastrella lo studio di Cézanne, poi quelli di Vlaminck, Derain e Picasso; assume una posizione coraggiosa nel mercato d’avanguardia esponendo van Gogh e Gauguin.Con grande audacia Vollard salta dalla pittura, alle stampe, ai libri e diversifica così il lavoro, il suo e quello degli artisti intorno a sé. Unendo due vecchie passioni, la letteratura e la grafica, diventa editore di libri d’arte di gran pregio, illustrati dai pittori ed esposti insieme ai dipinti nella stessa bottega di rue Laffitte. L’epoca è propizia per chi ha una galleria nella “strada dei quadri”, centro di gravità per mercanti e collezionisti dove è facile imbattersi in Matisse, Renoir, Degas, Redon, Apollinaire, Jarry, spesso ospiti delle indimenticabili cene alla Cantina Vollard. È nel corso di tali serate che l’anfitrione tende il suo “orecchio da mercante” per registrare ogni battuta e poterci trasmettere, con la straordinaria verve della presa in diretta, dialoghi e tranches de vie dei più grandi artisti dell’epoca. Sono loro i veri protagonisti delle sue memorie, eppure il lettore coglierà, fra le righe, un’immagine precisa dello stesso Vollard, il mercante di quadri per eccellenza, senz’altro il più immortalato, come dimostrano gli innumerevoli ritratti eseguiti dai pittori del suo entourage, alcuni dei quali riprodotti nelle pagine di questo libro.
Scopri

Memorie di un mercante di quadri

Ambroise Vollard

editore: Johan & Levi

pagine: 320 pagine

Scritti in prima persona a mo’ di aneddoti sul suo esordio nel mestiere, i ricordi del leggendario mercante di quadri hanno il merito di restituirci l’atmosfera di un mondo ormai scomparso.Siamo nella Parigi di fine Ottocento, i pittori “rifiutati” si impongono, a poco a poco, come principali attori della scena su cui muove i primi passi il
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.