Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

URBAN REPORTS. L'ALTRA ITALIA. RACCONTO PER IMMAGINI DELLE AREE INTERNE DEL PAESE

29 nov 2018

Questo volume è un racconto visivo sulle aree sensibili del paese, una narrazione fotografica alla scoperta di spazi e valori urbani fatti di storia e paesaggi dimenticati. Luoghi meravigliosi, ma lasciati ai margini. Il lavoro fotografico nasce come strumento di osservazione e indagine di quella porzione di paese che Mario Cucinella, curatore del Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, ha chiamato Arcipelago. Non è l’Italia dei densi agglomerati urbani e delle città metropolitane, fatta di infrastrutture, servizi e connessioni a banda larga, bensì quella compagine territoriale di piccoli centri con oltre 4.000 comuni che rappresentano il 60% del territorio nazionale e il 25% della popolazione, la cosiddetta Italia delle “aree interne”. Si tratta di una grande porzione di paese che soffre per la carenza di opportunità economiche, sociali e culturali: un arcipelago, appunto, dove gli abitanti sono prevalentemente anziani e i più giovani partono a causa della carenza di prospettive. Cosa conosciamo di queste aree interne d’Italia? Qual è l’immaginario collettivo che le accompagna? E che ruolo può avere la fotografia nel supportare una riflessione sul paesaggio e sulle sue trasformazioni, divenendo metodo di lavoro, capace di interagire con le altre discipline, nell’ambizioso compito di rilanciare questi territori e creare nuovi scenari e forme di sviluppo? Gli scatti del collettivo di architetti-fotografi Urban Reports (Alessandro Guida, Davide Curatola Soprana, Isabella Sassi Farìas e Viviana Rubbo) si concentrano su cinque aree – l'Appennino tosco-emiliano, Camerino e la zona del sisma, la valle del Belice, la Barbagia, la valle del Basento – e tratteggiano uno spaccato contemporaneo di questo paesaggio, cercando di produrre un nuovo livello di lettura per ogni area e, nell’insieme, una sintesi visiva dell’identità di questi territori.

 

Il volume nasce dalla campagna fotografica del collettivo Urban Reports per Arcipelago Italia, progetto curatoriale di Mario Cucinella per il Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia realizzato con il contributo della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT.

 

Autore: Urban Reports

Collana: Fotografia

ISBN: 978-88-6010-218-8

Pagine: 168

Prezzo: 26,00 €

Narrazione visiva delle aree interne del paese, dall’Arco Alpino lungo tutto l’Appennino fino alle isole, L’altra Italia documenta un paesaggio vulnerabile, ai margini dei grandi agglomerati metropolitani fatti di infrastrutture, servizi e connessioni a banda larga. È l’Italia dei borghi e dei piccoli centri, con oltre 4.000 comuni che rappresentano il 60% del territorio nazionale e il 25% della popolazione. Un paesaggio arcaico, crudo, essenziale, tanto lontano dalle rotte turistiche delle riviste patinate quanto vicino a una dimensione primigenia. Si tratta di territori accomunati dalle stesse dinamiche di spopolamento e impoverimento del tessuto economico eppure ricchi di risorse, depositari di un patrimonio naturalistico e culturale inestimabile, con peculiarità che differenziano il nostro paese rispetto al resto del tessuto urbano europeo.Il volume nasce come strumento di indagine conoscitiva a supporto di Arcipelago Italia, il progetto espositivo di Mario Cucinella per il Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia. Con un’accuratezza documentaria che travalica la semplice rappresentazione dell’esistente per osservare i mutamenti del territorio e le tendenze in atto, questi quadri di paesaggio si collocano lungo il solco delle visioni di pasoliniana memoria, disegnando una geografia umanistica che rivaluta l’esperienza personale e la quotidianità del vissuto da diversi punti di vista: sostenibilità e ambiente, inclusione sociale e condivisione dei patrimoni immateriali, terremoti e memoria collettiva, lavoro e salute, rigenerazione e creatività contemporanea.Pur nella diversità dell’approccio, gli architetti-fotografi del collettivo Urban Reports si pongono di fronte al paesaggio senza alcun sensazionalismo: la loro è una fotografia che coglie lo spirito dei luoghi, le stratificazioni secolari, le sfumature e i dettagli, che legge le intersezioni di senso al di sotto degli aspetti visibili e materiali. Cinque le mete del loro viaggio: l’Appennino tosco-emiliano e il Parco delle Foreste Casentinesi; Camerino e il cratere, con la zona dell’Italia centrale colpita dal terremoto del 2016; la Valle del Basento nel Materano; la Valle del Belice e in particolare Gibellina, nella Sicilia occidentale in provincia di Trapani; la Barbagia con la piana di Ottana, nella regione centrale della Sardegna che si estende lungo i fianchi del massiccio del Gennargentu.Il lavoro di Urban Reports fa emergere una realtà molto più ricca e multiforme rispetto a quella ufficiale del paese, dove la risorsa principale di un territorio sono le persone, le conoscenze e le competenze di cui esse sono portatrici, e chiama architetti, urbanisti, progettisti e amministratori locali all’impegno per lo sviluppo di piani di rilancio capaci di rivitalizzare il tessuto sociale esistente, interagire e attivare dinamiche positive con le comunità locali di queste aree.Il volume nasce dalla campagna fotografica del collettivo Urban Reports per Arcipelago Italia, progetto curatoriale di Mario Cucinella per il Padiglione Italia alla 16. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia realizzato con il contributo della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT.Con testi di Marco Belpoliti
Scopri

L'altra Italia

Racconto per immagini delle aree interne del paese

Urban Reports

editore: Johan & Levi

pagine: 168 pagine

Narrazione visiva delle aree interne del paese, dall’Arco Alpino lungo tutto l’Appennino fino alle isole, L’altra Italia documenta un paesaggio vulnerabile, ai margini dei grandi agglomerati metropolitani fatti di infrastrutture, servizi e connessioni a banda larga. È l’Italia dei borghi e dei piccoli centri, con oltre 4.000 comuni che rap
26,00

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.