Libri di Giuseppe di Salvatore - libri Johan & Levi Editore

Attenzione, controllare i dati.

Giuseppe di Salvatore

autore
Johan & Levi
Laureato in filosofia nel 2007, si è formato nelle Università di Roma, Parigi e Ginevra, tre sedi dove ha svolto attività di ricerca in Metafisica ed Epistemologia. Attivo per molti anni anche come traduttore e editore di testi, dal 2009 al 2103 ha creato e animato un centro di studi filosofici a Verona. Dal 2014 si dedica al videogiornalismo, lavorando anche come redattore per il cinema per il portale svizzero art-tv.ch. Nel 2016  ha fondato con Ruth Baettig filmexplorer.ch, una piattaforma dedicata alle immagini in movimento tra arte e cinema di cui è caporedattore e per la quale scrive di arte e di cinema.


Libri dell'autore

Questo volume offre la più ampia raccolta italiana di scritti di Clement Greenberg (1909-1994), autore indispensabile per chiunque si interessi all’epoca carica di rivoluzioni formali che dalla fine dell’Ottocento in poi vede il rapido succedersi delle avanguardie artistiche.Figura fra le più influenti e controverse della critica d’arte americana del Novecento, Greenberg assiste al declino dell’illusionismo tridimensionale della pittura da cavalletto e testimonia il progressivo affermarsi dell’astrattismo, fino al traguardo della piattezza radicale che è per lui cifra del modernismo. Tra i primi a intuire il valore dirompente della pittura di Jackson Pollock e degli espressionisti astratti americani, egli sdogana successivamente gli esponenti della Post-painterly Abstraction, tra cui Morris Louis e Kenneth Noland. Con un corpus di oltre trecento scritti, il magistero critico militante di Greenberg attraversa più di quarant’anni di nuova arte americana, contribuendo in modo decisivo a spostare il baricentro dell’arte mondiale da Parigi a New York.La selezione dei testi qui proposti è volta a sottolineare l’impronta europea del pensiero critico di Greenberg. La matrice kantiana, quella trotskista, ma anche quella italiana proveniente da Benedetto Croce e Lionello Venturi, delineano il profilo di un critico che ha saputo scandagliare in modo esemplare le vicende del modernismo nelle arti visive rivendicandone i valori di oggettività. A un’acuta analisi socio-culturale del fenomeno della massificazione della cultura e delle sue conseguenze sociali, Greenberg accosta questioni a lungo dibattute come quelle del bello e della qualità, dei valori oggettivi in arte, mosso dal bisogno impellente di opporre un fronte di resistenza al degrado del kitsch e dell’accademismo.Tuttora oggetto di diatribe e indiscusso promotore dell’arte americana, Greenberg rimane un interprete di primo piano del modernismo.A più di quindici anni dalla morte, il suo lascito è imprescindibile per orientarsi nel complesso panorama artistico della seconda metà del xx secolo.
Scopri

L'avventura del modernismo

Antologia critica

Clement Greenberg

editore: Johan & Levi

pagine: 448 pagine

Questo volume offre la più ampia raccolta italiana di scritti di Clement Greenberg (1909-1994), autore indispensabile per chiunque si interessi all’epoca carica di rivoluzioni formali che dalla fine dell’Ottocento in poi vede il rapido succedersi delle avanguardie artistiche.Figura fra le più influenti e controverse della critica d’arte ame
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.