Scheda libro

News

il punto
Massimo Minini

Kiefer e Feldmann

Eroi e antieroi nell'arte tedesca contemporanea

  • ISBN: 978-88-6010-104-4
  • Anno: 2013
  • Pagine: 68
  • Formato: 12 x 18 cm
  • Illustrazioni: 20 a colori
  • Prezzo: 9,00 €

Seguendo la logica della definizione per coppie di opposti (leggero/pesante, faceto/serio) in questo volume Massimo Minini analizza e affianca i due artisti che sono diventati simbolo dell’arte della Germania a cavallo dei due millenni: Anselm Kiefer e Hans-Peter Feldmann. Da un lato Kiefer, erede perfetto di un’arte che ha radici profonde nell’espressionismo, nell’espressione di sentimenti e stati d’animo che, tra Jung e Freud, tra Wagner e Goethe, tra Hans Baldung e Lukas Cranach, non possono non essere profondi, pesanti, impegnati. Kiefer risuscita fantasmi mai sopiti, dà corpo a una grandeur anche nei formati, nei materiali, nei temi (fili spinati, cavalli di frisia, campi arati in lunghe prospettive e con materia pesante). Nel suo mondo tutto parla della pesantezza, del grave, della volontà. Dall’altro Feldmann, che la prende alla leggera, ci dice che l’arte è una cosa seria, sì, ma che non bisogna drammatizzare. Questo curioso, ironico, a volte ridicolo signore tedesco è un artista concettuale della prima ora ma meno grave dei suoi colleghi, tanto che all’epoca pochi lo presero sul serio. Talmente poco che nei primi anni ottanta, constatato il fallimento, Feldmann decise di non fare più l’artista e per una decina d’anni cambiò mestiere. Ma un giorno Kaspar König gli offrì una mostra a Francoforte e tutto si rimise in moto, fino alle celebrazioni e il successo di questi ultimi anni. Nell’incontro-scontro tra questi due emblemi di opposte attitudini ritroviamo l’immagine complessa della cultura visiva di una nazione.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa
  • Approfondimenti

Massimo Minini. Nato sul lago d’Iseo nel 1944, frequenta a Lovere le medie e il ginnasio («Si andava a scuola in bici: sette chilometri con le mani in tasca»), a Brescia il liceo classico («Fra i pochi attenti alle lezioni di storia dell’arte») e a Milano la facoltà di Giurisprudenza («Ma bazzicavo più le gallerie d’arte che le aule universitarie»). Avvocato mancato, dal 1971 al settembre del 1973 lavora a Flash Art e nell’ottobre dello stesso anno apre la galleria a Brescia. Oggi ha all’attivo trentasette fiere di Basilea, dove negli anni novanta è stato membro della commissione, succedendo a Lucio Amelio.

Due opzioni

La materia

Lo studio

Cento anni

Un dubbio

Germania, Italia, Francia

La tragedia e la storia

La guerra e l’eroe

La commedia, le comiche, la favola

Verschiedene Blumen

Citazioni

The End

News