Scheda libro

News

Biografie

Night Studio

Un ritratto intimo di Philip Guston

  • Autore: Musa Mayer
  • Anno: 2017
  • Lingua: Italiano
  • Pagine: 292
  • Prezzo: 31,00 €
  • ISBN: 978-88-6010-191-4
  • Formato: 15,5 x 23 cm
  • Illustrazioni: 86 b/n - 46 colore
  • Finitura: Arcoprint edizioni
    Brossura

Aggirandosi tra le sale della retrospettiva inaugurata in suo onore nel 1980, solo tre settimane prima della sua morte, Philip Guston aveva osservato che quella era più di una semplice mostra, era un’intera vita vissuta. Night Studio, pubblicato dalla figlia otto anni più tardi, è a sua volta una vita vissuta: è il resoconto dolce e amaro di una riconciliazione e un tentativo di entrare nel mondo di un padre per il quale l’arte era un atto di intenso egotismo.
Raccogliendo memorie personali, ma anche lettere e appunti di Philip Guston, nonché interviste a chi lo aveva conosciuto, l’autrice ricompone una storia privata che comincia nella New York degli anni trenta, dove i genitori si trasferiscono in seguito a un promettente esordio come muralisti. Grazie ai sussidi del New Deal, a Manhattan è spuntata una vivace comunità di artisti ossessionati dall’idea di purezza in pittura che negli anni cinquanta balzerà agli onori della cronaca come Scuola di New York. Guston, alla perenne ricerca di un linguaggio tutto suo e diffidente verso le illusioni dell’arte per l’arte, approda tardi alla pittura non oggettiva: il vocabolario lirico e le pennellate voluttuose gli valgono una discreta fama, suggellata da una retrospettiva al Guggenheim già nel 1962. Ma alla fine gli oggetti avranno comunque la meglio. Nel 1968, in seguito a una paralizzante crisi creativa, le forme accumulate e negate per lungo tempo si materializzano in una cascata di immagini – prima semplici oggetti della vita quotidiana, poi figure enigmatiche e fumettistiche –, giudicate intollerabili dallo stesso mondo dell’arte che lo aveva consacrato. Quel mondo per il quale ha nutrito una crescente insofferenza ora lo disgusta al punto da lasciare New York per rifugiarsi in via definitiva a Woodstock con la moglie, Musa McKim. In questo commovente affresco autobiografico, accompagnato da un’ampia selezione di opere a colori e fotografie personali, Musa Mayer ripercorre la parabola umana e artistica del padre restituendo il giusto peso anche alla figura riservata ed elusiva della madre, una donna che ha scelto di fare un passo indietro rispetto alle proprie velleità per seguire gli umori mutevoli e quel bisogno di libertà che sono propri di ogni grande artista.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa

Musa Mayer, dopo essersi dedicata per venticinque anni alla causa del tumore al seno pubblicando anche un libro sull’argomento, dirige oggi il progetto della Guston Foundation per la creazione di un catalogo ragionato dei lavori di suo padre attraverso il sito philipguston.org

1. Retrospettiva
2. Le donne imparano
3. Ferme condizioni
4. Così tanta fatica
5. Nello studio
6. Un po’ di musica
7. Le forme del pittore
8. Scostare la tenda
9. Terapia intensiva cardiologica
10. Inaugurazioni
11. Se questa non sono io
12. Lo studio di notte

Postfazione all’edizione del 1996 265

Postfazione all’edizione del 2016

News