Scheda libro

News

non solo Saggi

Museologia radicale

Ovvero, cos’è “contemporaneo” nei musei di arte contemporanea?

  • Autore: Claire Bishop
  • Anno: 2017
  • Lingua: Italiano
  • Pagine: 88
  • Prezzo: 11,00 € €
  • ISBN: 978-88-6010-188-4
  • Formato: 15 x 21 cm
  • Illustrazioni: 19 b/n - 16 disegni di Dan Perjovschi
  • Finitura: Arcoprint edizioni
    Brossura

L’avvenire del museo pubblico non è mai parso più a rischio: più che rappresentare gli interessi diversificati della collettività, nella maggior parte dei casi esso è ridotto a veicolo di promozione per eventi blockbuster e di tutela dei privilegi dei privati, dando vita a templi dello svago e dell’evasione incapaci di cogliere l’attuale momento storico nella sua globalità. Salvo qualche felice quanto rara eccezione.
In questo breve saggio, Claire Bishop riporta le esperienze di tre istituzioni europee di arte contemporanea – il Van Abbemuseum di Eindhoven, il Museo Nacional Reina Sofía di Madrid e il MSUM di Lubiana – che, per far fronte ai tagli dei fondi pubblici dettati dalle misure di austerity, hanno fatto di necessità virtù mettendo a punto brillanti alternative al mantra dominante del “più grande è più bello, e se possibile anche più redditizio”. Attraverso illuminate politiche di acquisizione e allestimento delle proprie collezioni permanenti, questi musei si sono caratterizzati come realtà votate alla sperimentazione, capaci di utilizzare le proprie risorse per imbastire un discorso critico e generare uno sguardo politico sull’attuale fase storica.
Museologia radicale, riprendendo il filo di un acceso dibattito internazionale, delinea un manifesto per una nuova concezione del contemporaneo, da intendere come pratica e non come mera periodizzazione, a favore di una rilettura del ruolo del museo come istituzione in grado di preservare l’eredità culturale e allo stesso tempo offrire una voce critica che possa interrogare il presente e contribuire a realizzare un futuro diverso.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa

Claire Bishop (1971), storica e critica dell’arte contemporanea, dal 2008 è titolare della cattedra di Storia dell’arte presso il cuny Graduate Center di New York. Ha pubblicato, tra gli altri, Installation Art. A Critical History (2005) e Inferni artificiali. La politica dello spettatorialità nell’arte partecipativa (2012). Collabora con numerose riviste tra cui Artforum, Flash Art e October.


Dan Perjovski (1961) è un artista di Bucarest che utilizza prevalentemente il disegno per raccontare e denunciare le contraddizioni della realtà sociopolitica e del sistema dell’arte. Ha lavorato con importanti istituzioni museali in tutto il mondo tra cui, di recente, il MOMA di New York.

Ingresso


Musei di arte contemporanea


Teorizzare il contemporaneo


Macchine del tempo: il Van Abbemuseum


Archivio dei beni comuni: il Reina Sofía


Ripetizioni: il MSUM di Lubiana


Contemporaneità dialettica

Leggi anche

News