Scheda libro

News

Saggistica
Yann Kerlau

Cacciatori d'arte

I mercanti di ieri e di oggi

  • ISBN: 978-88-6010-171-6
  • Anno: 2015
  • Pagine: 250
  • Formato: 15,5 x 23 cm
  • Illustrazioni: 7 b/n
  • Prezzo: 25,00 €

Visionari, uomini d’affari, spericolati avventurieri con il pallino dell’arte e un’infatuazione infantile per il rischio. Stanare i van Gogh di domani è l’ossessione che da sempre spinge i mercanti più intrepidi a battere strade ignote rastrellando studi e scommettendo tutto su pittori incompresi o troppo in anticipo sui tempi. In anni recenti, tuttavia, la truffa dei falsi che ha mandato alla rovina una delle più rispettabili gallerie newyorkesi, Knoedler, ha messo allo scoperto il marcio di una professione che può presto degenerare in becera speculazione.
Yann Kerlau narra la folgorante ascesa e le alterne vicende di alcuni fra i più celebri cacciatori di artisti dall’Ottocento ai giorni nostri: dal primo fervido sostenitore degli impressionisti, Théodore Duret, fautore di quel giapponismo cui Gauguin, van Gogh e Monet saranno tanto debitori, a Paul Durand-Ruel, che poco dopo spalanca ai “rifiutati” le porte del mercato americano; da un fuoriclasse nella tattica delle vendite come l’indolente Ambroise Vollard, allo scaltro Daniel-Henry Kahnweiler, divenuto il mercante di Picasso nonostante un esordio poco promettente, fino all’eccentrica Peggy Guggenheim, l’ereditiera americana che con l’aiuto di consiglieri d’eccellenza scova gli artisti più all’avanguardia per la sua galleria newyorkese. Giunti ormai ai giorni nostri, è il turno di un pubblicitario consumato come Charles Saatchi, approdato all’olimpo dell’arte elevando l’artista a marchio di fabbrica, e di un cinico self-made man come Larry Gagosian, che con un occhio ai conti bancari e l’altro alle sale d’asta conduce i purosangue della sua scuderia alla conquista di un impero multinazionale. Sette ritratti a tutto tondo, ognuno a suo modo specchio della propria epoca. Altrettante varianti su un mestiere praticato con il fiuto necessario alla ricerca non più del bello, ma di quella gemma rara che si cela in ogni opera d’arte. Un’epopea strabiliante in cui eccessi, ardori e follie dei protagonisti tingono il racconto di una dimensione eroica e romanzesca.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa
  • Approfondimenti

Avvocato a New York poi top manager del gruppo Gucci, oggi Yann Kerlau si dedica esclusivamente alla scrittura. Come romanziere e saggista unisce l’interesse per l’indagine storica a un vero talento per la narrazione.

 

1. La caduta di casa Knoedler 

2. Théodore Duret. L’uomo che non voleva essere un erede

 3. Paul Durand-Ruel. Padrone e schiavo dell’arte 

4. Ambroise Vollard. L’arte di dormire con un occhio solo 

5. Daniel-Henry Kahnweiler. Giano e i suoi volti 

6. Peggy Guggenheim. La leggerezza come valore 

7. Come si diventa Charles Saatchi

8. Larry Gagosian. Uno squalo dalla scia d’oro 

Leggi anche

News