Scheda libro

News

Biografie
B.H. Friedman

Jackson Pollock

Energia resa visibile

  • ISBN: 978-88-6010-161-7
  • Anno: 2015
  • Pagine: 308
  • Formato: 15,5 x 23 cm
  • Illustrazioni: 25 b/n - 12 colore
  • Prezzo: 31,00 €

Quando nella primavera del 1955 il giovane B.H. Friedman lo incontra per la prima volta, Jackson Pollock è già un “vecchio maestro” dell’Espressionismo Astratto. Possente nel fisico quanto esplosivo e lavico nel talento, si è conquistato fama internazionale con un corpus di opere che racchiude un’intera gamma espressiva, dal delicato lirismo alle immagini più impetuose. La rivista Life lo ha da poco osannato come il più grande pittore statunitense e alla Cedar Tavern è riverito ogni sera da una folla di giovani artisti che sgomitano per avvicinarsi a lui. Per loro Jackson è quello che ha rotto il ghiaccio e spianato la strada alla prima generazione radicalmente americana. Per i semplici avventori del leggendario ritrovo del Greenwich Village, invece, Pollock non è che un elemento pittoresco, un personaggio tristemente noto per le sue metamorfosi: in preda all’alcol la voce gli si fa più roca, il lessico scurrile, i gesti via via più aggressivi, lo sguardo obnubilato, fino allo scoppio dell’inevitabile rissa.
Frutto di un’amicizia nata nell’ultimo anno di vita di Pollock, questo libro ne ripercorre la breve parabola con straordinaria vividezza, senza trascurare i momenti più sofferti: gli stenti degli anni formativi e l’uso dell’alcol per placare i conflitti interiori, i primi lavori accademici realizzati sotto la supervisione di Thomas H. Benton e la scoperta di un linguaggio tutto suo, il dripping, che lo porta ai vertici del successo grazie anche al coraggio di una gallerista come Peggy Guggenheim e all’incondizionata complicità della moglie Lee Krasner, che gli resta accanto fino agli ultimi mesi prima della tragica scomparsa.

Friedman penetra nel silenzio e nella solitudine del suo studio, si interroga sul tormentato rapporto con la fama, sull’identità che Pollock sente di aver venduto a un mondo dell’arte che spesso lo fraintende e che lo ha condotto a vette da cui difficilmente si scende illesi. Il risultato è una biografia che come nessun’altra offre un’acuta analisi della gloriosa ascesa e della rovinosa caduta di colui che ha “danzato” capolavori come Autumn Rhythm. Un artista che ha puntato tutto sul principio dell’arte come scoperta di sé, fermamente convinto che la vita di un uomo e il suo lavoro siano inseparabili.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa
  • Approfondimenti

B.H. Friedman (1926-2011) è stato uno scrittore e critico d’arte americano. Dopo la pubblicazione del suo primo romanzo Circles (1962), basato sulla sua esperienza nel mondo dell’arte a New York, abbandonò la precedente attività di consulente immobiliare per dedicarsi a tempo pieno al suo libro su Jackson Pollock, considerato la prima biografia dell’artista.

1. Crescere nel West (1912-1929)
2. La scena americana, la scena newyorkese, la scena personale (1930-1941)
3. I surrealisti arrivano a New York (1941-1946)
4. Radici a East Hampton (1946-1947)
5. Il Club: un intermezzo (1948-1962)
6. La fama (1948-1949)
7. L’anno “più grande” (1950)
8. Bianco e nero (1951)
9. Il pittore d’azione (1952)
10. Gli ultimi anni (1953-1956)
11. Post mortem

Leggi anche

News