Scheda libro

News

Saggistica
Arthur C. Danto

Che cos'è l'arte

  • ISBN: 978-88-6010-122-8
  • Anno: 2014
  • Pagine: 126
  • Formato: 15,5 x 23 cm
  • Prezzo: 16,00 €

Che cos’è l’arte? È questo l’eterno interrogativo sul quale il filosofo e critico Arthur C. Danto ritorna in un saggio che è insieme dissertazione filosofica e riflessione autobiografica. Prendendo le distanze da chi vorrebbe ridurre l’arte a ciò che è considerato tale in un contesto istituzionale o da chi addirittura la ritiene indefinibile, l’autore individua alcune caratteristiche che le restituiscono contorni netti: l’arte ha una sua permanenza ontologica nelle forme pur variabili in cui si manifesta. A determinare un’opera d’arte è la capacità di dare corpo a un’idea, di esprimerla per mezzo di un “fare artistico” che traduce il pensiero in materia nel modo più efficace, travalicando le contingenze. Ma ciò non basta. Essa deve incarnare qualcosa di impalpabile, che la accomuni a un sogno a occhi aperti e che conduca il fruitore a uno stato emotivo e sensoriale nuovo. Danto approda così a conclusioni lontane dal relativismo che per decenni gli è stato attribuito: per capire l’arte non ci vuole un concetto aperto, ma una mente aperta.
Nel guidare il lettore tra i grandi nomi del pensiero filosofico e dell’arte di ogni epoca (in particolare Michelangelo, Poussin, Duchamp e Warhol), l’autore traccia un ambizioso percorso che dalle teorie platonica e kantiana prosegue analizzando le innovazioni ‒ prospettiva, chiaroscuro, fisiognomica e nascita della fotografia ‒ che hanno segnato il progresso dell’arte occidentale, fino al suo apparente esaurimento con l’avvento delle poetiche concettuali e la scomparsa dell’estetica come valore.
Che cos’è l’arte riassume riflessioni decennali, ricavandone nuovi affascinanti sviluppi, e rappresenta così una via d’accesso ideale al sistema filosofico del maggior critico americano nell’ambito delle arti visive.

  • Note sull'autore
  • Sommario
  • Rassegna stampa
  • Approfondimenti

Arthur Coleman Danto (1924-2013) è stato Professore emerito della Columbia University a New York, critico d’arte per The Nation e uno fra i più influenti pensatori sull’arte del xx secolo.
Tra i numerosi libri si ricordano La destituzione filosofica dell’arte (1992), Dopo la fine dell’arte (2007), La trasfigurazione del banale (2010).

Prefazione
Ringraziamenti
1. Sogni a occhi aperti
2. Restauro e significato
3. Il corpo nella filosofia e nell’arte
4. Fine della gara. Il paragone tra pittura e fotografia
5. Kant e l’opera d’arte
6. Il futuro dell’estetica

Leggi anche

News